La terra di domani.

Sorgerà il sole sulla terra di domani.

Sarà, credo, curata da altre mani,

mani fanciulle ignare dei vecchi mali.

Le campane

saranno fiori e non tocchi di funerali.

E i canti non saranno inni

ma melodie di vento e natura,

i sogni colore e non incubi di paura.

Io non mi sveglierò nella terra di domani

ma la canto in speranza, giungendo le mani

L’acido e’ l’assenza.

Tte trasuto dinto e’ vvene

l’acido de sta’ assenza,

Stilla a stilla, goccia a goccia

te succhiaje l’istinto e l’essenza

te lluvaje ‘o gusto d”a rimembranza

che fosse stato miele

mo’ ca staje ‘nchiusa dinto a na’ stanza.

‘O ssaccio

fuje io ca preparaje sta brutta mistura

ma mo’ ca veco e’ risultati

‘o vero, ammore mio, mme metto appaura.

 

L’archivio dei colori.

Ridammi, tempo offeso,

l’esuberanza del tempo atteso.

quel vezzoso capriccio di speranza

che da bimbo vivevo in una stanza.

Ridammi quel fumo d’avventura

che m’annebbiava di gioia la lettura.

Ora che s’è fatto stanco il mio sapere

ho sete secca e nulla da bere.

Pesco così nell’archivio dei colori

sbiadito da troppi balordi dolori

smarrendo, nel passo a ritroso,

l’iride ricca dei perduti amori.

Vinceremo.

Oh ci confina in noi

questa guerra all’invisibile.

Difendiamo vite già spese

con l’orgoglio

del vissuto di mille imprese.

Si, vinceremo imparando

l’astuzia della vita rantolando

nella pastura

d’un brutto scherzo della natura.

Si, vinceremo

affidando alla parola senza abbraccio

l’essenza vera di un cosmico allaccio

Si, vinceremo

piangendo ogni vita  perduta,

di gente nostra o sconosciuta.

Vinceremo

la solitudine che in noi dimora

pensando all’altro di ora in ora.

Solidarietà social(e)

Vorrei dettare, in prosa, un pensiero,

ma il verso spinge e si impone, fiero.

E allora canto  alla comunità sofferente

di tutta la gente in questo mondo cadente.

Canto ai cuori che si sfiorano a distanza,

occhi e sensi,

intenti a sostenere l’altro di stanza in stanza.

E canto a te, elettronica magia,

insieme di spiriti in volo radente,

legame d’amore sorprendente,

tra palpiti e respiri di sconosciuta gente.

Dialogo de guerra…

Dicette uno:”Pare e’ sta’ ‘n guerra”

“E che t’aspettave” rispunnette,

“te pensave e’ sfruculià liberamente a terra?

Nun ‘o ssaje? Chesta è na’ serra

e chi l’accudisce nce jettaje tanta munnezza.

Mo’ te miette appaura e nun tiene allegrezza.

Cu chi t”a vuò piglià, passante spaurato?

Nzierrate dinto e aspetta ca passa ‘a nuttata.

Che d’è sta frenesia?

Nun può fa cchiu’ ‘o scemo miezo a via?

Arapete nu libro e liegge na bella poesia.”

Chille mme guardaje manco i’ fosse nu marziano,

tiraje annanze e se ne fujette luntano.

In un quadro d’autore.

Tanta è la voglia di raccontare una storia

non so se collocarla ora o allora

o, perché no? In un tempo a venire…

Potrei raccontare d’una notte

lungo il sentiero dei cinghiali

nel tramestio di selve e di bacche sbucciate.

Potrei raccontare delle lucciole curiose

che si affollavano intorno

quali luce di fate amorose…

Potrei raccontare l’attesa d’ogni giorno

o i pensieri belli della strada del ritorno.

Invece mi va di raccontare una visione…

Lungo la polvere di deserte vie

cammineremo, soli, lasciando scie,

orme d’ombre lunghe su strade in disuso.

E parleremo d’arte col cuore confuso

scoprendo, magia,

d’esser parte di un quadro d’autore

un tardo impressionista fuso d’amore.

Eppure si va…

Oh, quanto è aspra l’ultima salita

erta sbilenca in sentiero di vita.

Ogni passo misura il suono vuoto dell’assenza,

viaggio vano, non promessa d’esistenza.

Eppure si va…

aggrappate le mani a rocce sempre più fredde,

rarefatta è l’aria nel gelo del niente.

Eppure si va…

carezzando nel sospiro di bellezza l’ultimo fiore,

il piede accorto a non violarlo,

diafano colore d’apparenza dell’ultimo amore.