Sta vocia mia…

Sta vocia mia viaggia pe’ ll’aria

pe cantà e p’ ‘a fa piglià calore.

Quanne se nziria se fa voce d’ammore

de desiderio, de respiro core a core.

Si tu l’affierre te porta luntano

‘ncoppe e’ note d’ ‘o viento chianu chianu.

E tu pigliala comme na palomma e’ notte

che comme dicette ‘o poeta arde e se struje

pecché è vocia ca cerca ‘o bagliore

de li animelle sorelle pe’ ballà cu lloro.

Della tua voce.

Ah, l’ombra della tua voce

del fiume del desiderio è foce.

Mare calmo d’onda lieve

anche quando il respiro è breve.

Ed io ne bevo il suono…

Ah, turbine d’abbandono!

Straziante tempesta sgradito suono

questo ora mi resta

vortice di nulla in un volgare tuono.

Eppure vibra costante la levità del tuo tono,

voce umile e calda, d’altro tempo suono.