Aurevoir monsiurdames…

Nella gran danza delle dame

la città si muove a sciame;

tra un inchino ed un sorriso

di maschera il volto è intriso.

In fastidio canto te, osceno rituale,

che in vago costume vesti il male:

quel desiderio di vaga apparenza

che m’annoia di urbana esistenza.

Corro all’angolo di scrittura

e mi mondo dell’oscena lordura:

aurevoir monsieurdames,

stateve bbone,

ca nun veco ll’ora ca ce ne jamme.

Annunci

24 thoughts on “Aurevoir monsiurdames…

  1. Bonjour Monsieur! 🙂
    “quel desiderio di vaga apparenza che m’annoia di urbana esistenza”
    Soprattutto questo pezzo mi viene da commentare e mi è venuto spontaneo pensare “che mi disturba”, ma questo solo perché la parola “noia” non esiste nel mio vocabolario.
    Vorrei aver interpretato bene “desiderio di vaga apparenza”: proprio nel senso di apparire anziché essere e quindi per forza vago il risultato oppure s’intende essere veramente poco presenti?

    Liked by 1 persona

  2. La mondanità circonda i miei giorni, non che viva una vita mondana, ma sono circondato da vacua apparenza, maschere che se tolte lasciano vedere altre maschere. Ho provato a reagire, a far togliere le maschere ma le mie parole sono svanite nel nulla. Le danze continuano e tragicamente bene e male sono “valori”” decisi da codici effimeri oltreché “utili” una rappresentazione di cui conosco il risultato sin dal primo ingresso delle comparse. E ne soffro. Ti sento vicino, amico mio.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...