Comme fa strano.

Comme fa strano a te pensà luntano

sarrà sta mania e’ te tenè poesia,

carne putente pe’ na’ parola vivente.

Comme fa strano…

Io scrivo comme si te tenesse ‘a mano

e mme fa strano dicere ca è invano.

Quanne fa notte, po’, ‘a cosa è cchiu’ dolente

pecché ‘o scuro assumiglia tanto a stu niente.

10 risposte a "Comme fa strano."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...