Preghiera del migrante affogato.

Putevo io nascere auciello…

Che saccio?

Na rondine de primmavera

o nu gabbiano

ca va plananno ‘ncoppe a l’onne

da a matina nfino a sera.

Si nascevo auciello

tenevo pe’ casa ‘o cielo e e’ stelle

e ‘a migrazione se fosse chiammata

annuncio fertile di benedizione.

E invece no!

Nascette io de specie umana

e de vulà luntano ‘a speranza è vana.

Vulevo si, vulà ncoppe a sta cresta e’ mare

pe’ na transizione verso na’ speranza maledetta

e sprufunnaje

io e’ cumpagne e o guscio d”a varchetta.

E mo’ prego nu dio de natura: damme sta benedizione:

mutame comme a pesce

fa ca st’acqua addeventa pe’ mme casa e nazione.

30 risposte a "Preghiera del migrante affogato."

      1. Mi piacerebbe leggerla 🙂 la tematica è senz’altro attuale e il titolo “Anime Anfibie” mi ispira, l’Anima che è legata al Cielo e l’essere anfibio, che è legato sia alla terra sia all’acqua…un connubio elementale, bello 🙂

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...